Ciao a tutti... vi aspetto numerosi su incucinaconmemole.it.

Chi siete?

Google+ Followers

mercoledì 22 agosto 2012

Dolcificanti

Un dolcificante (o edulcorante) è una sostanza usata per addolcire alimenti o altri prodotti destinati ad entrare nel cavo orale. Alcuni tipi si trovano in natura, altri vengono prodotti in laboratorio.


Dolcificanti 

Saccarosio:  (il comune zucchero da cucina) 

Fruttosio: è un monosaccaride chetonico che si trova nella maggior parte dei frutti zuccherini, nel miele ed in diversi vegetali. Buona parte del fruttosio attualmente in commercio si ottiene convertendo il glucosio presente nell'amido di mais mediante un processo di isomerizzazione, che dà luogo allo sciroppo di mais ricco di fruttosio

Sorbitolo: È presente nelle alghe rosse e in molte bacche e frutti come mele, pere, susine, ciliegie e sorbe da cui prende il nome.

Xilitolo: Lo xilitolo viene estratto da betulle, fragole, lampone, prugna e anche dal grano. Il potere dolcificante dello xilitolo è molto simile al saccarosio, ma contiene il 40% in meno di calorie

Lattosio:  lattosio rappresenta il 98% degli zuccheri presenti nel latte.Il lattosio è contenuto oltre che nel latte (circa il 40 % della massa secca del latte vaccino, 3.5-4% sul tal quale), anche nei suoi derivati (formaggi e yogurt) e in prodotti a base di siero di latte.

Monellina: La monellina è una proteina dolce che è stata scoperta nel 1969 nel frutto di un arbusto dell’Africa occidentale conosciuto con il nome bacca della serendipità. La monellina è percepita di sapore dolce dall’uomo e da alcuni primati, ma non dagli altri mammiferi. La monellina può essere usata come dolcificante in alcuni cibi e bevande poiché è prontamente solubile in acqua per le sue proprietà idrofile. Però ha delle limitazioni perché si denatura alle alte temperature rendendola inadatta per i cibi elaborati





Lo zucchero è usato principalmente nell'alimentazione e costituisce un alimento facilmente assimilabile apportando circa 17 KJ (4 chilocalorie) per grammo. Attualmente si ricava estraendolo dalla barbabietola da zucchero e dalla canna da zucchero; in appositi stabilimenti, chiamati zuccherifici, dal processo di estrazione si ricava lo zucchero grezzo, formato da cristalli di colore giallastro dal quale, attraverso una successiva raffinazione, si ottiene lo zucchero raffinato o zucchero bianco.

Vi sono diverse alternative allo zucchero sia naturali che di sintesi. Il principale è senz'altro il miele, utilizzato almeno dalla preistoria, nonché sciroppi ricavati da alberi come l'acero o da cereali e frutta, contenenti principalmente fruttosio. Un dolcificante naturale è anche la stevia. Esistono molti dolcificanti di sintesi come lo xilitolo ed il sorbitolo, entrambi di origine naturale e adatti per i soggetti diabetici, o completamente artificiali come l'acesulfame.

Tratto da Wikipedia
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...